Comitato Filippo Mazzei

Comitato Filippo Mazzei

Presidente

Elio Ferlaino

Il Comitato Filippo Mazzei si ispira al grande intuito, ai principi e ai valori liberali e liberisti dell’italiano che per primo abbracciò questo filone politico e filosofico, nel diciottesimo secolo.

Nato in Toscana, a 25 anni si recò per 15 anni a Londra, approfondendo le letture delle pubblicazioni di John Locke, Jean Jacques Rousseau e Voltaire. Per una straordinaria e fortuita casualità strinse una solida amicizia con Benjamin Franklin e la comunità della Virginia londinese e, nel 1773, si trasferì per 8 anni in Virginia, diventando consigliere e vicino di casa di Thomas Jefferson.

Con lo pseudonimo “Il Furioso” pubblicò molti articoli liberali sulla “Gazzetta della Virginia” fin dal 1774. Sua la famosa frase “siamo tutti ugualmente liberi ed indipendenti fin dalla nascita” che Thomas Jefferson scriverà nella Dichiarazione d’Indipendenza del 1776.

Nello stesso periodo strinse una forte amicizia con tanti americani dell’epoca, tra i quali George Washington e James Madison. Partecipò ad alcune delle prime battaglie contro gli inglesi sul suolo della Virginia. Successivamente, nel 1787 si trasferì quattro anni a Parigi e visse direttamente gli eventi della Rivoluzione Francese nel ruolo di ambasciatore della Polonia in Francia con l’amico Thomas Jefferson, ambasciatore degli Stati Uniti D’America in Francia.

Aderì al Club parigino del 1789 con il generale Lafayette. Intrecciò in tutta la vita numerosissime amicizie con tante personalità famose dell’epoca ovunque andasse. Grande oratore ammaliava chiunque lo ascoltasse con simpatia.

I principi riguardo le libertà individuali, la proprietà privata, il libero scambio, l’attività produttiva, la repubblica, l’indipendenza, la confederazione degli stati, sono per Mazzei e per gli iscritti del Comitato, imprescindibili e da difendere sempre e comunque.      

Leggi il regolamento

1

Condividi